Oops, you're using an old version of your browser so some of the features on this page may not be displaying properly.

MINIMAL Requirements: Google Chrome 24+Mozilla Firefox 20+Internet Explorer 11Opera 15–18Apple Safari 7SeaMonkey 2.15-2.23

Raccomandazioni Generali

Le alterazioni delle unghie sono spesso molto refrattarie al trattamento reattivo. Per questo motivo sono importanti misure profilattiche, precocità degli interventi e prevenzione delle superinfezioni.

Trattamento

Accorciare le unghie con taglio rettilineo, non rimuovere le cuticole, evitare le calzature strette, indossare guanti per proteggere la cute e applicare antisettici locali. L’uso di creme con steroidi topici molto potenti (per es. clobetasolo propionato) a livello di margini ungueali (se possibile con bendaggio occlusivo) ai primi segni di paronichia può prevenire il suo peggioramento.1 Per la paronichia di II grado, aggiungere una pasta astringente topica contenente uno steroide potente, un antisettico e un antimicotico e usare tetracicline orali e nitrato d’argento topico contro il granuloma piogenico. Per il trattamento della paronichia di III grado, aggiungere farmaci antinfiammatori non steroidei, antibiotici il cui spettro comprende anche S. aureus in caso di superinfezione e considerare un’interruzione temporanea del trattamento con EGFRI.1

Prodotti

  • Fare uso di bagni e creme antisettici (cloramina, clorexidina, povidone ioduro).
  • Clobetasolo propionato topico.
  • Nitrato d’argento topico (per il II grado).
  • Minociclina, 100 mg q.d. (per il II grado).
  • Doxiciclina, 100 mg q.d. (per il II grado).
  • Limeciclina, 300 mg q.d. (per il II grado).
  • Pasta astringente contenente uno steroide, un antisettico e un antimicotico (per il II grado).
  • Ibuprofene, 400 mg t.i.d.; indometacina, 75 mg b.i.d. (per il III grado).
  • Flucloxacillina, 500 mg t.i.d. (per il III grado, se si rileva una superinfezione).
  • Cefuroxima axetil, 500 mg b.i.d. (per il III grado, se si rileva una superinfezione).

Trattamento con EGFRI

Continuare il regime terapeutico con l’EGFRI scelto, se gli eventi avversi hanno un’intensità di I o II grado; interrompere il trattamento con l’EGFRI in caso di tossicità di III grado; riprendere il regime terapeutico con l’EGFRI scelto, se la tossicità si attenua a un grado ≤2. Continuare/interrompere il regime terapeutico con l’EGFRI scelto secondo quanto raccomandato nel relativo riassunto delle caratteristiche del prodotto aggiornato e in base alle condizioni del paziente.2,3,4,5,6

Bibliografia

1Segaert S et al. Eur J Cancer 2009; 45(Suppl 1): 295-308.
2European Medicine Agency. Tarceva® (erlotinib) Summary of Product Characteristics 2009.
3European Medicine Agency. Iressa® (gefitinib) Summary of Product Characteristics 2009.
4European Medicine Agency. Erbitux® (cetuximab) Summary of Product Characteristics 2009.
5European Medicine Agency. Vectibix® (panitumumab) Summary of Product Characteristics 2009.
6European Medicine Agency. Tyverb® (lapatinib) Summary of Product Characteristics 2010.

Ultimo aggiornamento nel 2009.

This site uses cookies. Some of these cookies are essential, while others help us improve your experience by providing insights into how the site is being used.

For more detailed information on the cookies we use, please check our Privacy Policy.

Customise settings